mal di stomaco e gastrite

Lo stomaco, così come l’intestino, è un organo che reagisce in modo particolare a cambiamenti alimentari, ambientali e dell’umore infatti, stress ed emotività negativa possono interferire in un corretto funzionamento gastrico ed essere causa di gastrite e dispepsia.

A lamentarsi di mal di stomaco e gastrite dunque, oggi sono in tanti, ne soffrono in prevalenza le donne, in tutti i casi, è bene prestare attenzione ai principali sintomi della gastrite, soprattutto se si presentano frequentemente:

  • bruciori di stomaco,
  • crampi,
  • nausea,
  • vomito
  • talvolta anche diarrea.

Tutta via la gastrite generata da ansia e depressione non è l’unica condizione da considerare in quanto spesso l’insorgere dei disturbi gastrici è dovuto a non corrette abitudini alimentari, come eccessi di alcool, fumo, cibi speziati e alcuni condimenti irritanti per la mucosa dello stomaco.

Che cosa è la gastrite:

La gastrite è un’infiammazione della mucosa gastrica, ovvero l’alterazione dello strato di cellule che rivestono le pareti dello stomaco  e che hanno la funzione di proteggere da agenti patogeni e dall’erosione dei succhi gastrici.

La gastrite può essere cronica o acuta, la prima solitamente si sviluppa nel tempo e più lentamente, mentre quella acuta si manifesta con sintomi che compaiono all’improvviso.

Essere in presenza di gastrite, cronica o acuta che sia, porta in ogni caso a soffrire di disturbi quali bruciori o acidità di stomaco, che sono da considerarsi come primo campanello d’allarme.

Le gastriti croniche sono spesso causate anche  da abitudini alimentari dannose protratte nel tempo, da abuso di alcol, fumo e farmaci e con proprietà gastro-lesive. Anche i virus o i batteri non individuati e quindi non trattati con le adeguate cure possono provocare la gastrite, così come il forte stress generale o le intolleranze alimentari non ben gestite.

Un adeguato stile di vita, specie quello dietetico, può però aiutare a prevenire i disturbi dello stomaco.

I segnali dello stomaco

Visto che il nostro apparato digerente è così collegato alle emozioni ed ai cambiamenti sia ambientali che alimentari, non è difficile pensare che in qualche modo voglia comunicare con noi, cioè ci faccia capire che qualcosa non va attraverso chiari segnali di fastidio e sintomi ricorrenti.

mal di stomaco e gastrite

Gastrite, celiachia, intolleranze alimentari e molte altre patologie più o meno gravi, possono interessare il nostro apparato digerente e vanno diagnosticate correttamente e curate prima che possano portare a complicazioni più gravi o ad una cronicizzazione.

Niente allarmismi quindi, ma piuttosto farsi carico del problema interpellando tempestivamente il medico curante o un medico specialista.

Cosa fare in caso di gastrite:

Prima di agire sul sintomo, è sempre meglio individuare la causa della gastrite la cui origine può essere multifattoriale.

Se i sintomi permangono è corretto riferirsi ad uno specialista per la definizione precoce della diagnosi e per non ritardare una terapia adeguata.

A fianco di un trattamento farmacologico, specie nelle fasi acute, con farmaci che devono essere prescritti dallo specialista, la cosa migliore è correggere l’alimentazione, eliminando tutti i cibi che possono indurre la produzione di succhi gastrici.

Ancora prima della dieta è anche fondamentale adottare alcune norme molto semplici, come mangiare lentamente, (perché una corretta masticazione rende più agevole la digestione e ne riduce i tempi) e restare seduti una decina di minuti al termine del pasto.

È importante, durante il pranzo o la cena, lasciarsi alle spalle nervosismi e stanchezza, evitare i pasti abbondanti, senza saltarli e fare in modo di consumarli con regolarità. Questo per evitare che salga troppa acidità a causa del digiuno prolungato.

La gastrite acuta può insorgere come sintomo secondario ad altre patologie o problematiche, ma se trattata (con abitudini alimentari corrette e la giusta integrazione tra fermenti lattici e sostanze in grado di lenire e sfiammare) va incontro a risoluzione spontanea nella maggior parte dei casi.

La gastrite cronica invece, può essere dannosa in quanto determina un’alterazione delle pareti gastriche e conseguente insorgenza di vari e complessi quadri clinici.

Per maggiori informazioni e prenotare una visita di controllo clicca qui.

Fonte: Fondazione Veronesi / Humanitas

Mal di stomaco e gastrite

Mal di stomaco e gastrite